Il Bonus Mobili 2017

La Legge di Stabilità 2017 ha prorogato Il BONUS MOBILI fino al 31 Dicembre 2017! Approfitta della detrazione fiscale del 50%.

Il Consiglio dei Ministri ha approvato in novembre 2016 la nuova Legge di Bilancio che contiene in un unico documento anche l'ex disegno di legge detto Legge di Stabilità, in cui ha prorogato il BONUS MOBILI ed ELETTRODOMESTICI fino al 31 Dicembre 2017, riconfermando anche il vincolo dell'acquisto concomitante ad una "ristrutturazione edilizia" per ottenerne i benefici (cd. Riqualificazione del patrimonio immobiliare). Il legislatore ha ribadito inoltre che non vi è relazione tra l’importo portato in detrazione per i lavori di recupero del patrimonio edilizio (totale dei lavori svolti per una ristrutturazione edile) e l’importo portato in detrazione con il Bonus Mobili. L'incentivo fiscale infatti è ammesso per l’acquisto di mobili/arredi e grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, nonché A per i forni, fino a un massimo di spesa di 10.000 euro, IVA compresa, con una detrazione del 50% da ripartire in 10 rate annuali (il bonus di 10.000 euro per gli arredi è ulteriore rispetto al tetto dei 96.000 euro previsto per le spese di recupero del patrimonio edilizio). Ad esempio: per una spesa di 8.000 euro si possono detrarre 4.000 euro; per una spesa di 14.000 euro si possono detrarre 5.000 euro (il 50% del massimale di 10.000 euro).

I pagamenti devono essere effettuati tramite bonifico ordinario dal beneficiario della detrazione, oppure tramite carta di credito o di debito (bancomat) oppure ancora attraverso alcune forme di credito. E' possibile infatti usufruire del bonus mobili anche pagando tramite finanziamenti, come il credito al consumo erogato da società finanziarie che hanno adeguato sistemi e procedure per rendere possibile l'accesso a questa modalità. Il soggetto pagante deve essere lo stesso al quale è intestata la fattura.

Il contribuente che esegue lavori di ristrutturazione e, in conseguenza acquista mobili/arredi o elettrodomestici, su più unità immobiliari ha diritto al beneficio più volte, tante quante le abitazioni ristrutturate e quindi arredate. L’importo massimo di 10.000 euro va, infatti, riferito a ciascuna unità abitativa oggetto dell’intervento di recupero edilizio.


APPROFONDIMENTI UTILI

- Vademecum Bonus Mobili
Realizzato a cura di Federmobili, FederlegnoArredo e Angaisa, il Vademecum operativo è uno strumento utile per avere tutte le informazioni corrette relative al bonus mobili e poter rispondere in modo puntuale alle richieste dei clienti interessati.

- Agenzia delle Entrate
Il sito della Agenzia delle Entrate ha un'area interamente dedicata al Bonus Mobili, con una guida completa alle detrazioni ed altre specifiche. Clicca qui per visitare la pagina dedicata

- SITI
www.bonusmobili.it
www.casa.governo.it